Oculistica

visita-oculistica-completa-ravenna

Il dott. Andrea Mastursi, Specialista in Clinica Oculistica e Chirurgia Oculare esegue presso il Centro Medico Fisios visite oculistiche complete


La visita oculistica completa comprende diverse fasi:

  • Raccolta dell’anamnesi: raccolta di informazioni di carattere generale ed oculare.
  • Esame obiettivo: osservazione diretta del paziente, con particolare attenzione al capo, al volto ed all’apparato visivo. Si esamina l’allineamento degli occhi e la loro motilità, lo stato delle palpebre e la loro motilità, l’eventuale presenza di alterazioni macroscopiche correlabili a patologie orbitarie e dell’apparato lacrimale, la statica e la mobilità pupillare.
  • Autorefrattometria: esame obiettivo del difetto di refrazione (miopia, ipermetropia, astigmatismo miopico, ipermetropico o misto, presbiopia).
  • Esame dell’acuità visiva (esame della vista): permette di misurare in ogni occhio l’acuità visiva, cioè la capacità di mettere a fuoco e distinguere gli oggetti; si esamina il visus naturale e quello con la migliore correzione mediante l’uso di lenti correttive.
  • Tonometria: misurazione della pressione oculare che permette di identificarne l’eventuale incremento; importante fattore di rischio per il glaucoma.
  • Esame alla lampada a fessura (biomicroscopia): esame diretto a forte ingrandimento delle palpebre, della congiuntiva, della sclera, della cornea, della camera anteriore, dell’iride, pupilla e del cristallino.
  • Esame del fundus oculi (fondo oculare): esame del corpo vitreo (il gel che riempie il bulbo oculare), della papilla ottica (l’emergenza del nervo ottico), della retina (regione maculare, media ed estrema periferia retinica).

Il medico specialista oculista interpreta i dati raccolti e pone la diagnosi o il sospetto di eventuali patologie. Se sono presenti elementi sufficienti per la diagnosi di una patologia, prescrive la terapia adeguata (medica e/o chirurgica). Eventualmente consiglia ulteriori approfondimenti diagnostici.

In presenza di vizi di refrazione e/o di disturbi dell’accomodazione che richiedano la correzione con lenti, il medico oculista prescrive anche la correzione adeguata con occhiali per la quale è spesso necessario l’uso di colliri contenenti farmaci cicloplegici.